martedì 7 gennaio 2014

ALTRI CONATI (II)

Un grande abbraccio a voi, che state dall’altra parte dello schermo!
Ditemi, come avete iniziato questo 2014? Bene? Male? Circa?
Io sto lentamente riprendendo la mia tranquilla quotidianità, nonostante le idee, i buoni propositi e i chilogrammi sviluppati durante queste feste: non vedo l’ora di smaltire idee e propositi! Sugli ultimi ci sto ancora lavorando.
Iniziamo quindi con le pubblicazioni di CONATI DI ANIMA in modo molto soft; prima del racconto breve di questo mese, cui sto incredibilmente lavorando a grande velocità, vi presento questo secondo appuntamento della rubrica ALTRI CONATI: il piccolo spazio in cui vi consiglio un libro, un fumetto e un film che mi sono piaciuti molto.
Se dopo la prima triade di consigli non avete deciso di buttare il vostro pc giù dalla finestra, spero gradiate anche questa!

NON BUTTIAMOCI GIÙ' -  di Nick Hornby
Partiamo dal libro, e poiché abbiamo appena dovuto affrontare il capodanno, perché non sceglierne uno ambientato (in parte) proprio durante l’ultima sera dell’anno?
Questo l’ho letto alcuni mesi fa come membro di una specie di “circolo letterario”: parla di quattro personaggi che, per ragioni totalmente diverse, si ritrovano sul tetto di un palazzo di Londra… tutti quanti con il preciso intento di buttarsi di sotto! Inizieranno così un rapporto molto particolare, che li salverà dalla morte (ovviamente), e riuscirà a far ripartire le loro vite, seppur in modo tutt’altro che scontato.

MIDNIGHT NATION - di J.M. Straczinsky e Gary Frank
A voi la storia di un poliziotto che si ritrova ad avere a che fare con forze soprannaturali e con l’eterna lotta tra Dio e il Diavolo. È il fumetto di quest’appuntamento.
Già vi sento. “ Ma Simone, che cosa caspita ci combina con questo periodo dell’anno? Con gennaio, capodanno, il freddo, la neve, i regali, le feste, la befana, etc. etc. etc.??? ”.
Niente, infatti. O meglio, potrebbe incastrarsi con l’anno in arrivo per la componente del “viaggio alla scoperta di se stessi”; che cosa sono, i mesi della nostra vita, se non proprio questo?

LA VITA SEGRETA DI WALTER MITTY - di Ben Stiller
E infine eccoci arrivati al film: molto recente e uscito da noi giusto in tempo per la fine di ‘sto benedetto 2013.
Sarà che sono fresco di visione, e che adoro Ben Stiller alla follia, ma ho semplicemente amato questo film. Stiller è riuscito a unire le risate, al ritmo incalzante, alle riflessioni interessanti, tirando fuori un’opera tutto tranne che banale e davvero particolare: l’utilizzo che fa delle parole e delle immagini, come concetti, è fantastico! Comprendo che, probabilmente, in senso stretto non può essere considerato un capolavoro, ma non me ne importa più di tanto: mi ha toccato, e in modo molto profondo.
Se volete iniziare bene l’anno nuovo, e con bene intendo in modo che questo possa non essere un insieme casuale e superficiale di trecentosessantacinque giorni slegati e intercambiabili, ma qualcosa di unico e speciale… beh, credo possa fare davvero al caso vostro!

Mi sa che per il primo post dell’anno, questo è tutto.
Ci risentiamo presto con il nuovo racconto breve, che sarà ancora una volta a tema “capodanno”: poi, giuro, la smetto!
Ascoltatevi STARE DOVE SONO dei Ministri ancora una volta, dai.
Simone


2 commenti:

  1. Di Hornby non ho mai letto nulla, quindi mi sa che ci darò una letta appena ho finito i millemila libri in arretrato.
    Gli altri due titoli non li ho mai visti/letti, ma dovrò recuperare pure quelli, perché Stracz mi piace molto come autore e di Mitty me ne hanno parlato tutti bene.

    RispondiElimina
  2. Questo Stracz,assieme a Rising Stars,è il migliore,per me!

    RispondiElimina